Da #potenzialmenteincinta a #decisamentenonincinta. Giorno 1.

Proviamo a trovare il lato positivo di questa nuova sconfitta. Essendo passata da #potenzialmenteincinta a #decisamentenonincinta, posso sfondarmi di sushi, cosa che ho già fatto ieri, e posso darmi all’alcool. Questo però tra qualche giorno quando tornerò a casa dal lavoro. Altre cose positive? Bè a dire il vero non me ne viene in mente nessun’altra. Oggi sono tornata a lavoro, fortunatamente aggiungerei, così almeno non sto sul divano a piagnucolare. Vabbè qualche piantarello me lo sono fatto nel bagno, sono sincera, ma credo di avere tutti i diritti di essere disperata. E anche un po’ sfigata. No perchė come vogliamo commentare il fatto che un collega che non vedevo da secoli mi comunica allegramente che sua mogie è incinta di 4 mesi e che se sarà femmina la vorrebbe chiamare come me. Dolcissimo. Delicatissimo lui. Stella del cielo. Io morta con un sorriso pietrificato talmente finto che non sono nemmeno in grado di descriverlo. Eppure non sono invidiosa delle altre donne col pancione, questo mai, non ho ancora attraversato quella fase e spero di non passarla mai. Vorrei solo vestire quei panni. Ma cosa sto chiedendo alla vita? Vorrei un paio di Laboutin, mi strappo i capelli per una Birkin oppure non so, qualsiasi altra cosa futile dell’Universo. No io vorrei un figlio, vorrei sentire la vita che nasce e cresce dentro di me, metterlo al mondo ed amarlo. Mi sembra un desiderio nobile, eppure niente non c’è verso di farlo avverare. “Dobbiamo andare avanti ed essere forti insieme, perché noi siamo già una famiglia”, quanto sei prezioso e unico amore, hai ragione, dobbiamo essere più forti che mai, tenerci stretti e curare le nostre anime maltrattate dagli eventi. Quanto vorrei poter perdere la speranza e arrendermi definitivamente, mettere un punto su tutto questo dolore e non voltarmi più indietro. Invece la speranza è maledetta, ti si insinua sotto la pelle, la senti crescere nello stomaco con la sua fiammella di positività e tu vorresti solo spegnerla e metterla a tacere, ma non ci riesci, perché al gelo ci sono altri due #potenzialmentefigli che ti aspettano e non puoi di certo ignorarli e lasciarli lì. Darò tempo al mio cuore di aggiustarsi dopo essere stato spezzato per l’ennesima volta e poi lascerò che la speranza faccia i suo lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: