Per quanta strada ancora c’è da fare, amerai il finale!

Cammino in quella che sarà la tua camera e respiro quel profumo di bimbo che la pervade. Apro le ante del tuo armadio e sorrido guardando quanti vestitini già hai. Sembra l’armadio di un folletto, è tutto in miniatura. Piccole grucce, piccole magliette, mini tutine e calzine che sembrano uscite da una fiaba. Accarezzo tutte queste cose e sogno, mi immagino quando le indosserai e mi vengono le lacrime agli occhi. Eppure non è un sogno, lo sei stato per tanto tempo e adesso ti avvicini sempre più alla realtà. La sera, quando siamo a casa, il momento che mi rende più felice ed appagata è quando prendo la mano di tuo padre e la metto sulla mia pancia e lui sorride mentre tu ti muovi come un matto. I tuoi movimenti sono la la meraviglia più meravigliosa che esista. E fa niente se grammaticalmente è scorretto, ma rende l’idea. Ultimamente ho riletto questo blog e mi sono stupita e commossa più volte ripercorrendo i passi che ci hanno portato fino a qui. Tanto dolore, tanta forza di volontà, la collaborazione di tanti professionisti che hanno dato il loro meglio per noi e per te. Volti che ho incrociato, amicizie che ho stretto. Mi viene in mente la canzone di Cremonini: per quanta strada ancora c’è da fare, amerai il finale! E di strada non ne manca poi così tanta per arrivare a te, ma mi voglio godere questa nuvola in cui sono avvolta il più a lungo possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti su “Per quanta strada ancora c’è da fare, amerai il finale!”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: